LA FELICITÀ, 2013 

Non è una bella casa, con bei quadri, arredi e soprammobili costosi la necessità primaria della persona.

Si perde di vista troppo spesso l’importanza di certi valori, che non sitrovano nei beni materiali.

Sfugge, oggi, il perchè si viva e quale sia il modo migliore per vivere bene.
E lo chiamano progresso!
Schiavi del consumismo, ignorano, sottovalutano quello che hanno o peggio, non pensano a ciò che possiedono perchè troppo occupati a racimolare “capitali” per riempirsi le case di roba.

Frivoli suppellettili percepiti da quegli occhi ciechi e cuori vuoti come cibo indispensabile per colmare la sete di benessere di chi non conosce il tesoro più importante e
gratuito che si possa desiderare. Spogliatevi di tutte queste convinzioni e capirete dove sta la felicità. 

  1. postato da auroracrifo
Running on The Default Network
by Boyce